Ansia da spedizioni

Cosa succede quando un lavoro è pronto per la spedizione? Ti assale l’ansia! 🙂

Tutto il tempo dedicato a piegare con tanta cura centinaia di origami, tutti i tuoi sforzi e le attenzioni potrebbero vanificarsi grazie alla “delicatezza” di un corriere nervoso (con questo non voglio dire che tutti i corrieri sono “cattivi” anzi la maggior’ parte svolgono il loro lavoro in modo professionale e serio).

In questa fase è di vitale importanza dedicare molta cura all’imballaggio; in realtà gli origami sono leggeri e con un po’ di esperienza e qualche piccolo trucco si riesce ad ottenere un imballaggio a prova di bomba.  All’apertura del pacco probabilmente troverete più carta da imballaggio che carta origami che per fortuna non hanno lo stesso valore 😉 ma poco male se questo serve a preservare un lavoro di molte ore!

Dopo tutti gli accorgimenti per evitare che all’interno dello scatolo si muova e si rovini tutto, cominci a pensare che l’umidità potrebbe essere dannosa e immagini depositi postali con mezzo metro d’acqua sul pavimento… centinaia di pacchi che galleggiano mentre nei corridoi i magazzinieri navigano su gommoni (scena Fantozziana).

La soluzione all’umidità viene dal comune nastro da pacchi, tutta la scatola viene imballata con almeno due giri di nastro e diventa anche ultra resistente! 😉 Quindi attacchi l’etichetta con l’indirizzo, proteggi anch’essa con nastro trasparente (non si sa mai che il diluvio universale potrebbe bagnarla rendendola illeggibile  facendo così finire il pacco in Russia) e via a prenotare il turno all’ufficio postale!

Si, oggi prenoti il tuo turno con l’app delle poste ma sappi che se utilizzi questo servizio tutte le persone in fila ti malediranno!! Arrivi alle 12 meno 5, fai il check in e alle 12 esce il tuo numerino, mostri il cellulare allo sportello e realizzi che il tuo turno è arrivato! Ora resta da superare un altro scoglio; l’addetto allo sportello dice che il paese di destinazione non esiste, l’America non esiste, la Francia non esiste, la terra è piatta e il c.a.p. è sbagliato…

Dopo qualche minuto di attesa snervante aspettando chissà cosa compaia sul qul pc, che secondo me ha ancora su windows 95, ti comunicano che è tutto ok! E via si parte!

Comincia il viaggio fantastico da monitorare con il tuo tracking code! Destinazione Napoli ma scopri due giorni dopo che il tuo pacco è arrivato a Milano (panico) contatti subito l’assistenza su Twitter perché oggi l’assistenza più efficiente la trovi solo sui social network, e l’operatore ti dice che si tratta di normale amministrazione perché ai pacchi loro danno solo il meglio. Ogni pacco deve fare un giro turistico e ammirare le bellezze d’Italia altrimenti come farebbero a giustificare i costi così alti delle spedizioni? In pratica è come affidarsi a un tour operator solo che in vacanza non ci vai tu ma ci mandi una scatola.

Dopo 4/5 giorni di peripezie la spedizione va in consegna, nella maggior parte delle nazioni saprai l’esito nelle 24h successive ma a volte capita (e nessuno saprà spiegare il perché) che l’ultimo step non venga registrato e allora cominci a preoccuparti… Immagini che il tuo pacco sia stato rubato agli ultimi 100 metri, pensi che un tizio con un passamontagna si apposti in un cespuglio e appena vede il furgone del corriere incustodito lo assalti per rubare proprio il tuo pacco! Passano i giorni e ogni tanto ci pensi: “sarà stato consegnato?”, “sarà andato perso?”, “sarà scappata con un altro?” e così via immaginando gli eventi più assurdi, dal cataclisma all’uragano passando per la fine del mondo.

Dopo venti giorni e nel modo più inaspettato possibile, ti arriva un messaggino del cliente che dice così:  “I am happy to have received the shipment on time. Origami is beautiful! Sorry if I warned you late.” Se non fosse per l’etica professionale e per la buona educazione che tua madre ti ha insegnato con tanto amore e tanti “scappellotti” risponderesti davvero male ma l’iniziale irritazione lascia presto il posto alla serenità e finalmente potrai tornare a dormire sonni tranquilli, almeno fino alla prossima spedizione! 😉

Precedente Quando nasce un gioiello.